I tuoi risultati di ricerca

Cosa Vedere a Trieste

Cosa vedere a Trieste

Cosa vedere a Trieste è sicuramente una domanda che si pongono gli studenti fuori sede e lavoratori che si apprestano a trasferirvisi. La buona notizia è che verrete immediatamente colpiti dal fascino del mare, e dalla bellezza del paesaggio carsico che delimita la città giungendo fino alla costa, dando vita ad un paesaggio costiero tra i più suggestivi d’Italia.

Arrivando in macchina attraverso la celebre strada costiera tra Sistiana e Trieste si attraversa una galleria naturale, scavata in una falesia, tra le cui rocce emerge un profilo dal naso aquilino che in molti identificano con quello di Dante Alighieri. La tradizione dice che passandovi attraverso si deve suonare tre colpi di clacson come porta fortuna per il viaggio!

Trieste è una città ricca di storia e di cultura, una terra di confine che apre le porte all’Europa centro-orientale ed ai Balcani. È quindi inevitabilmente un meltin-pot di culture e tradizioni, che si riflette visibilmente anche nella sua urbanistica. Aggirandosi per il centro è infatti possibile incappare in rovine romane, medievali, ed edifici neoclassici e liberty, tutti a distanza di pochi metri.

Questa pagina vuole essere un’infarinatura dedicata alla città di Trieste, e certamente non è esaustiva. Se volete conoscere in maniera più approfondita la storia dei monumenti ed edifici triestini, vi invitiamo a partecipare alle visite organizzate dal FAI, durante le quali potrete visitarli accompagnati da volontari.

 

Piazza unità d'Italia

Piazza Unità d’Italia

Iniziamo il viaggio alla scoperta di Trieste dalla sua piazza principale, sede del Municipio, universalmente riconosciuta come una delle più belle piazze d’Italia, nonché la più grande piazza aperta sul mare in Europa. La sua cornice di palazzi ed edifici storici e la vista sul golfo le conferiscono un’atmosfera ineguagliabile. Se non fosse per la presenza del mare che fa da sfondo, potrebbe quasi sembrarvi di passeggiare nel centro di Vienna!

Il colpo d’occhio si amplifica ulteriormente quando si illumina durante le ore serali, nonché a Natale, quando viene addobbata con abeti decorati sullo sfondo di musica Valzer.

Il Palazzo della Luogotenenza Austriaca

Attualmente è sede della prefettura. La cosa che più colpisce sono i bellissimi mosaici sulla facciata principale del palazzo, che prima degli anni ‘20 rappresentavano lo stemma imperiale Austro-Ungarico, e vennero poi sostituiti con lo stemma della Casa Sabauda.

Palazzo Stratti

Se cammini a “testa in sù” ti accorgerai della presenza di alcune statue in cima all’edificio. Il complesso scultoreo, opera di Pietro Zandomeneghi, rappresenta l’auspicio di prosperità e progresso per la città di Trieste. Ai piedi del palazzo si trova lo storico “caffè degli specchi” dove poter sostare ed ammirare la piazza in tutta la sua bellezza.

Palazzo del Lloyd Triestino

Oggi è la sede della Regione Friuli Venezia Giulia, dove si riunisce la Presidenza della Giunta regionale. Sulla sommità dell’edificio sono presenti delle statue, raffigurazioni allegoriche sul fastigio, opere degli scultori austriaci Joseph Pokorny e Hugo Härdtl.

Municipio di Trieste

Opera eccelsa dell’architetto Giuseppe Bruni, è il palazzo che si impone sulla piazza in posizione frontale rispetto al mare. È sovrastato dalla torre campanaria, sulla quale l’architetto fece installare due mori, denominati dai triestini Micheze e Jacheze, che sin dal 1875 scandiscono il tempo nella città di Trieste. Sostituiti da delle copie per preservarli, gli originali sono ora esposti all’interno del Castello di S. Giusto.

Fontana dei Quattro Continenti

In quest’opera appare una una figura alata alla sommità, che allude all’annuncio della fama di Trieste a tutto il mondo e della sua prosperità nel commercio. Le quattro statue poste ai lati raffigurano i continenti fino ad allora conosciuti: Europa, America, Africa e Asia.

 

Le Rive di Trieste

Le rive di triestine scorrono lungo il mare antistante la città, più o meno dal Canal Grande di Ponterosso al Bacino della Sacchetta, che ospita alcuni dei club velici di triestini. Passeggiando lungo le rive potrete godervi la vista del Golfo di Trieste da un lato, e dei sontuosi palazzi che vi si affacciano dall’altro.

Molo Audace

Costruito in origine sopra un relitto di nave (la San Carlo), venne poi rinominato in onore della prima nave Italiana che vi ormeggiò al termine della prima guerra mondiale. Si estende per circa 200 m sul mare, e durante le giornate di sole o al tramonto è un lungo pieno di incanto, dove molte persone si fermano ad ammirare non solo il mare, ma il profilo stesso della città.

Salone degli Incanti

Continuando la passeggiata lungo le rive troverete un edificio del 1913 dotato di campanile, che in origine era la Pescheria Centrale ed oggi ospita un acquario marino, nonché il Centro Espositivo d’Arte Moderna e Contemporanea o “Salone degli Incanti”. Durante l’anno il salone è sede di diversi eventi culturali, ed ha ospitato eventi ed opere dedicate ad artisti internazionali, quali: Andy Warhol, Mauris Cornelis Escher, l’International Talent Support (ITS), la fiera del disco, il Trieste Tattoo Expo, ed una mostra sui Lego.

 

Castello di Miramare

Castello di Miramare

Se scrutate l’orizzonte dal molo Audace, non potrete fare a meno di notare la presenza di questo castello bianco, incastonato proprio lì dove il carso si congiunge con il mare, a soli 6km dal centro della città.

Il Castello di Miramare è stato costruito nel 1850 per essere la dimora dell’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo, assieme la sua consorte Carlotta del Belgio. Giosuè Carducci gli dedicò dei versi che recitano così: Nido d’amore costruito in vano, perché nido d’amore mai fu, in quanto il cardinale venne ucciso in Messico e Carlotta tornò in Belgio dopo pochi anni.

Oggi è un museo che racchiude l’incanto di un’epoca passata. Nelle giornate di sole è possibile arrivarci a piedi passeggiando sul lungomare di Barcola.

Parco Botanico

Il parco del castello di miramare si estende per 22 ettari sul promontorio carsico. Un suggestivo giardino che ospita un misto di alberi, cespugli ed essenze forestali accostati in stile barocco, in contrasto con quello inglese del Castello di Miramare. A Miramare, l’architettura mitteleuropea si fonde con il paesaggio mediterraneo.

Riserva Marina di Miramare

Tutt’intorno al castello si estende una riserva naturale marina gestita direttamente dal WWF. È possibile effettuarvi delle uscite in snorkeling, su prenotazione.

  

Colle di San Giusto

Se volete fare il pieno di storia e godervi al contempo la vista della città dal suo interno, vi consigliamo una passeggiata sulla cima del colle di San Giusto, sede dell’omonimo Castello, della Cattedrale e del foro romano.

Castello di San Giusto

Forse una delle principali attrazioni della città, è una fortezza-museo, eretto tra il V e VI secolo sulle rovine di un castelletto veneziano, a sua volta costruito sopra alle fortificazioni precedenti, di epoca romana.

La fortezza è particolarmente vissuto dai triestini, in quanto con la bella stagione sui suoi bastioni vengono organizzati, eventi, aperitivi e serate musicali.

Cattedrale di San Giusto

La Basilica di San Giusto è una chiesa cattolica, e l’edificio di culto più importante di Trieste. Nasce dall’unione di due basiliche romaniche intorno al 1300, creando una Cattedrale maestosa, la cui facciata è impreziosita da un rosone in pietra carsica e da reperti di epoca romana incastonati.

Foro Romano

Al centro del colle di San Giusto, tra il Castello, la Cattedrale ed il monumento ai caduti della prima guerra mondiale, sorgono le rovine del foro romano. Il foro era l’edificio dove i cittadini si riunivano per tratte di affari e di commercio. Vi si possono osservare i resti originali del colonnato in pietra bianca, e delle ricostruzioni in mattoni rossi.

 

Città Vecchia

Composta da tre quartieri, Cavana, San Giusto e l’antico ghetto ebraico, è il centro urbano più antico di Trieste. Sebbene passare per San Giusto o Cavana è quasi inevitabile, la parte compresa tra i due viene spesso saltata dai turisti. Un vero peccato, in quanto è una zona di vicoli in salita e piazzette nascoste davvero affascinante. L’invito è quello di partire dal ghetto o da Cavana per risalire verso il colle, perdendosi tra i suoi vicoli pieni di storia e di sorprese.

Arco di Riccardo

Mentre ci aggiriamo tra i vicoli della città vecchia, ecco che appare questa “porta” che ci ricorda ancora una volta la presenza dei romani a Trieste. Costruita intorno al 1 secolo a.C, si mantiene ancora oggi intatta nella sua preziosità, e domina la sottostante Piazzetta Barbacan, sede di una movida serale più appartata, e per questo uno dei luoghi più “hip” della città,

Da qualche anno ospita il Barbacan Produce, un design market di artigianato contemporaneo.

Tor Cucherna

La Tor Cucherna è una torre medievale incastonata al centro della città vecchia, quasi nascosta, e quindi spesso “mancata” dai turisti. Fu costruita nel XIV secolo per la sorveglianza notturna delle antiche mura cittadine. Nel 1719 le mura della città vennero distrutte per permetterne l’espansione, ma la Torre venne risparmiata. Alcuni resti delle mura sono ancora visibili all’interno della città vecchia (preservati dietro a strutture in vetro).

Cavana

La zona di Cavana rappresenta al tempo stesso il centro storico di Trieste, ed una delle zone più “fashion” per fare shopping o l’aperitivo. Il suo incanto sta proprio in questo, passeggiare accanto a edifici antichi mentre si ammirano le vetrine delle boutiques, facendo tappa per degustare i prodotti locali tra una spesa e l’altra.

 

Il lungomare di Barcola, Trieste

Lungomare di Barcola

Barcola è il luogo dove tutti i triestini passano l’estate, sdraiati a prendere il sole direttamente sul porfido, oppure dove fare delle passeggiate e attività sportiva accanto al mare. È anche un luogo suggestivo dove guardare il tramonto, e trascorrere il tempo in compagnia, per esempio mangiando una pizza seduti sugli scogli in estate!

Un altro luogo barcolano storico per prendere il sole sono “I Topolini”: 10 terrazze semicircolari che si sporgono sul mare, realizzate negli anni 30′. Sono presenti anche due piccole spiagge meta di famiglie e bambini, mentre tutt’attorno dalle piattaforme e dagli scogli i ragazzi si esibiscono in tuffi durante tutto il giorno.

Informazioni

Consulta la nostra guida sulla città di Trieste dedicata a lavoratori e studenti fuori sede, con le indicazioni su  come arrivare in città, cosa mangiare, cosa fare la sera e sulle sedi dell’Università!

Hai bisogno di un aiuto per trovare alloggio a Trieste? Contattaci!
Lo staff di TAG Immobiliare è a tua disposizione per trovare la soluzione migliore per te, senza spese di mediazione! Disponiamo di numerosi palazzi ed appartamenti in luoghi strategici della città, per raggiungere tutte le sedi degli istituti e delle aziende più rilevanti a Trieste. Compila il form sottostante e ti ricontatteremo!

Confronto immobili